Valeria Barbera (Recenso): My Blog

…E Adesso Parlo Io!

Cosa Proponi?

No! Non mi mancano gli argomenti e posso continuare ad oltranza, perlomeno fino al 3010 :-)

Ma siamo nel Web 2.0 e SE leggi i miei post, SE ti piacciono i miei articoli e, soprattutto, SE vuoi conoscere il mio pensiero su un argomento a TUO piacere – attualità, cultura, vita di tutti i giorni, etc -  allora fammelo presente qui sotto e vedrò di accontentarti ;-)

7 commenti »

  1. Gentile Valeria, ho apprezzato un paio dei tuoi articoli (mici,esperienza di lavoro ecc) lasciando un commento al volo,poichè non mi sembrava il luogo ove lasciare poemi,quindi approfitto di questo spazio per complimentarmi per il tuo blog, sicuramente utile a novizi o semplici curiosi come me. Mi piace sperimentare cose nuove ed utili e da poco (mea culpa),mi sono addentrato a piccoli passi nel mondo open source,ubuntu nello specifico,e dato che sono un testardo autodidatta per natura ,sto iniziando man mano a gestire il pc alle mie esigenze. O perlomeno ci provo…
    Se vuoi approfondire al riguardo con la tua competenza, sarò ben lieto di seguirti.
    Un saluto
    Bottello Emanuele

    Commento di emanuele | 22 settembre, 2008 | Rispondi

  2. Ciao Emanuele e grazie per la tua interessante richiesta. Qui
    https://valeriabarbera.wordpress.com/2008/09/28/open-source-o-a-pagamento-ubuntu-e-i-suoi-fratelli/
    la mia opinione ;-)

    Commento di Vale | 28 settembre, 2008 | Rispondi

  3. Ciao Valeria , perdona la mia ennesima e prometto ultima intromissione nel tuo spazio , tenevo solo ad informarti che ho seguito il tuo consiglio , ho scavalcato i “se” e i “ma” e mi sono dedicato alla creazione del blog ed ovviamente non sto a dirti ne nome ed indirizzo , dico solamente GRAZIE della spinta e attendo con piacere i tuoi prossimi articoli , che seguirò certamente.
    Emanuele

    Commento di emanuele | 4 ottobre, 2008 | Rispondi

  4. Ciao Emanuele. Nessuna intromissione, anzi, mi piace molto il tuo blog (visto tra i link?) ;-)

    Commento di Vale | 4 ottobre, 2008 | Rispondi

  5. ciao Valeria. volevo proporti un post hosting di alcuni miei lavori sul tuo sito. se ti interessa magari ne parliamo via email.

    Commento di dario | 18 gennaio, 2009 | Rispondi

  6. @dario
    Ciao, la proposta è interessante, ti ascolto con piacere. Puoi inviarmi i dettagli del tuo progetto alla email che trovi in homepage o nella pagina https://valeriabarbera.wordpress.com/moi/ , così ne parliamo meglio ok? Ti aspetto :-)

    Commento di Vale | 20 gennaio, 2009 | Rispondi

  7. Vacanze in Puglia – Alla scoperta della Grecia italiana
    Nel cuore del Salento, nel territorio appartenente a comuni come Calimera, Carpignano Salentino, Martano, Martignano, Soleto… esiste un’oasi linguistica e culturale tra le più importanti e interessanti d’Italia: la Grecia salentina.

    Magna Grecia, si sa, era come gli antichi chiamavano il Sud d’Italia, in quanto se non fisicamente, culturalmente sí rientrava nella sfera della civiltà ellenica. Tutti abbiamo nella mente le immagini dei templi di Paestum in Campania, la Valle dei Templi di Agrigento, sappiamo che città come Napoli, Siracusa, Taranto e moltissime altre furono fondate da coloni greci.
    La cultura ellenica e la sua lingua però continuarono ad avere un ruolo molto importante anche nell’Alto Medioevo, quando si ebbe una seconda colonizzazione, questa volta bizantina (che si spartiva con i Longobardi il dominio dell’Italia Meridionale).

    Questa predominanza soprattutto culturale fece sí che l’ellenismo e la ‘grecità’ diventassero l’elemento caratterizzante di alcune zone, tra cui – appunto – la Grecia salentina, un territorio che dal 1990 è riconosciuto anche dal punto di vista istituzionale dallo Stato italiano e dall’Unione Europea e che vede uniti in consorzio (il cuo scopo è difendere l’identità culturale della zona) nove comuni salentini.Una realtà culturale sull’orlo dell’estinzione nonostante tutti gli sforzi, dal momento che il griko (così si chiama la variante del greco salentino) lo parlano ormai solamente i membri più anziani della popolazione.

    Ma questa non è la unica ragione per cui secondo noi è necessario visitare la Grecia salentina se decidiamo di passare le nostre vacanze in Puglia. Perché Grecia salentina non è solo lingua, ma anche musica, gastronomia ed artigianato.
    Musica è sinonimo di La notte della Taranta: il principale evento musicale dell’estate nella Grecia salentina, che dal 7 al 21 di agosto porterà nelle piazze quasi cinquanta fra gruppi ed artisti singoli chiamati a dare vita alla rassegna che, anche quest’anno, ospita alcuni dei nomi più rappresentativi della scena della pizzica salentina e numerosi progetti speciali frutto delle collaborazioni sempre più frequenti tra artisti salentini dediti alla riproposta della tradizione e musicisti di altra estrazione geografica e culturale, come da sempre nello spirito del festival.
    La gastronomia grika, invece, è sinonimo di mille e mille ricette a partire da un numero di ingredienti limitato: il cecamariti, la cialateddha, le orecchiette con le rape però con la variante della presenza delle alici, la mandorlata con grano e tarallucci glassati…

    Commento di Paolo | 13 giugno, 2009 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 257 follower